L’analisi in politica è tutto, dicevano e pensavano i grandi statisti del passato, da Togliatti a Moro. Nel nostro piccolo di Matera e della Basilicata, dove la confusione politica regna sempre sovrana, ciò appare confermato dai primi vagiti post partum da ballottaggio.

I freddi numeri

Penso che una più adeguata comprensione dei numeri del ballottaggio richieda di considerare insieme voti assoluti ottenuti da Bennardi e Sassone e rispettive percentuali di consenso.

Bennardi è stato eletto sindaco con il 67,5% e quasi 19mila voti. Ha praticamente raddoppiato i voti del primo turno. Ottimo, ma da dove provengono gli oltre 9mila voti che si sono aggiunti al secondo turno? Diciamo subito che al secondo turno non hanno partecipato al voto 8mila materani dei circa 36mila del primo turno. Bene, sembra possibile affermare senza bisogno di grandi studi statistici dei flussi di voto, che (almeno) intorno al 60% dei voti ottenuti da Schiuma (e coalizione, Pd in testa) e da Doria (e sempre coalizione) si siano riversati su Bennardi. Possiamo ragionare in questo modo: oltre 10mila i voti conseguiti da questi due candidati al primo turno; ipotizziamo che di questi tra i 3 e i 4mila abbiano disertato il secondo turno; quasi tutto il restante deve essere andato a favore del candidato sindaco del Movimento 5 Stelle. Cioè, tra i 6 e i 7mila voti.

Se qualcuno è perplesso per questi calcoli, faccia un ragionamento al contrario: ipotizziamo che solo una piccola parte dei voti del Pd, di Schiuma e di Doria siano passati a Bennardi al ballottaggio. Segue, logicamente, la domanda: e gli oltre 9mila voti in più di Bennardi rispetto al primo turno da dove sono arrivati? Dai sostenitori di Sassone? No di certo, visto che Sassone è rimasto lì dov’era, cioè debole, dopo il primo turno: era al 30%, ha chiuso al 32 e spiccioli. Vero che Sassone ha perso 1.400 voti assoluti tra primo e secondo turno, ma è chiaro che una parte degli 8.000 assenti al secondo turno sono anche da ascrivere ad elettori del centrodestra.

Né la parte rilevante del surplus di voti di Bennardi può provenire dai sostenitori di Trombetta e di Braia: i due avevano ottenuto un totale di 4.000 voti al primo turno e non si sono certo spesi al ballottaggio per il vincitore. Inoltre, anche in questo caso, una parte non piccola dovrebbe essersi astenuta. In ogni caso, se anche ipotizzassimo che 2.000 voti del duo Braia-Trombetta siano andati a Bennardi (cioè il 50% di quanto totalizzato dai due al primo turno), resterebbe da spiegare donde provengano i restanti 7.300 voti che si sono aggiunti per Bennardi al ballottaggio.

Riassumendo questa parte: i freddi numeri dicono che il successo di Bennardi è stato decretato dalla scelta degli elettori di centrosinistra, soprattutto simpatizzanti del Pd e di Doria, di votare il candidato sindaco del M5S al secondo turno. Scelta ottima peraltro, che perfino noi di Hyperbros abbiamo invocato e auspicato.

E ora?

L’errore più grande che possono ora commettere Bennardi e gli esponenti della sua coalizione è quello di ritenersi inespugnabili, in quanto aventi una maggioranza netta in consiglio comunale.

Infatti, la coalizione Bennardi ha ottenuto la maggioranza assoluta dei seggi pur essendo, nella realtà, a Matera, una notevole minoranza del 27%. Il M5S ottiene 11 consiglieri, più del 33% del totale, avendo ottenuto voti di lista pari al 10,94%! Detta diversamente, il M5S ha vinto le elezioni a Matera, primo perché il centrosinistra storico si è suicidato, secondo perché una parte rilevante del suddetto centrosinistra storico al ballottaggio ha scelto di fare politica e si è schierato a favore del candidato più affine. Senza ovviamente trascurare la logica del sistema elettorale a doppio turno ed elezione diretta del sindaco, che per sua struttura è iper-maggioritario.

Caro Domenico, il consenso è qualcosa di più complesso della semplice somma dei consiglieri di maggioranza. Proprio l’esperienza di Matera dovrebbe insegnare che anche le maggioranze monstre possono facilmente evaporare. Del resto, sia lode a Raffaele Tantone e ai socialisti per la scelta lungimirante fatta a Matera, ma il mio amico Raffaele è, appunto, il segretario provinciale del PSI, non proprio il partito delle vergini politiche! Un partito, sempre il PSI, che negli ultimi anni si è caratterizzato a livello regionale per la fedeltà inossidabile a Marcello Pittella. Ciò, per dire, non propriamente un movimento rivoluzionario.

Bennardi, che si appresta a varare una mostruosa giunta con 9 assessori (ma non si può tagliare qualche ramo, in ossequio al principio di non moltiplicazione delle poltrone?) non deve, ovviamente, inserire in giunta nomenclatura del Pd, ci mancherebbe altro, ma dovrebbe senz’altro aprire la giunta a personalità del centrosinistra largo. Gli sconsiglio di applicare il Manuale Cencelli con PSI – Verdi – Volt – 5 Stelle, mi ripeto, tutte forze largamente sovrastimate in questo Consiglio. Naturalmente, un’apertura della giunta a personalità del centrosinistra implica, cioè si accompagna logicamente, all’apertura di un dialogo politico-programmatico con l’opposizione di centrosinistra. (Conosco già l’obiezione: il programma è stato presentato agli elettori, che ci hanno dato un mandato a governare…… certo certo, non sottovaluto la cosa ma un programma di governo è sempre politicamente dinamico.)

E nel prossimo quadriennio?

Le elezioni di Matera potrebbero, ma non è certo scontato, essere il primo passo assai auspicabile nella direzione di un superamento della esperienza leghista al comune di Potenza e di governo di centrodestra alla Regione Basilicata. M5S + Pd + alleati partitici e civici sono probabilmente maggioranza elettorale sia a Potenza che nella Basilicata. Ma è chiaro che non ci si potrà arrivare per avversità e casualità a vincere in Basilicata. Occorrerà un processo politico e un’alleanza politica e programmatica strutturata. In fondo, è questo il processo che si sta provando a realizzare a livello nazionale, no?

Il M5S dovrebbe perdere qualche ramo secco in Basilicata, in conseguenza della scissione che sta per promuovere Di Battista. Le componenti più estremiste e populiste, amanti della opposizione eterna, alla Pedicini per intenderci, dovrebbero uscire dal movimento. Questo favorirà il processo di sintesi con il Partito democratico. Verosimilmente, anche il Pd difficilmente potrà presentarsi all’appuntamento con il personale politico attuale, tutto immutato, altrimenti si ricreerebbero le condizioni per la rottura avutasi a Matera, cioè con l’impossibilità di accordo con i 5 Stelle ma, in quel caso, e al contrario di quanto avvenuto a Matera, più probabilmente si finirebbe per riconsegnare la regione alla Lega.
A me pare che il M5S a Potenza possa aspirare ad esprimere il sindaco. Sta al Pd, almeno in prima battuta, mostrare la capacità di avanzare un progetto condiviso e una candidatura credibile per riportare la sinistra e il centrosinistra al governo della regione.

Antonio Ribba

4 pensiero su “Matera 2020: analisi del voto e qualche spunto politico”
  1. Insomma, caro prof. Ribba, la sintesi finale della tua analisi è forse quella che moriremo tutti “democristiani”? L’analisi dei flussi elettorali mi pare indiscutibile. Assai meno, mi pare, la profezia della inevitabilità di una “fusione” con il PD e del conseguente ritorno alla realpolitik: il potere per il potere. Esattamente la ragione fondamentale per cui è nato e si è affermato il M5S.

  2. Caro Francesco, dunque sarai tra coloro che in Basilicata seguiranno Di Battista e Pedicini nella scissione? Sinceramente, mi dispiace e ritengo tu stia sbagliando strada.
    Per quanto riguarda la tua lettura della parte politica del mio post, mi pare che tu ti sia costruito un bel pupazzetto da infilzare con facilità. In quale parte del post è scritto, o da quale parte si evince, che l’obiettivo di un incontro tra M5S e Pd, in Basilicata o a livello nazionale, sia il potere per il potere? Certo, se così fosse o se così andasse a finire ci sarebbe una prateria elettorale per Di Battista e i populisti del M5S. Invece, ho scritto, che un incontro tra un M5S depurato dalle sue componenti più protestatarie, e che pensano sia sempre meglio stare all’opposizione di un governo della Lega che costruire un faticoso governo con il Pd, e un Pd rinnovato dalle sue componenti più notabilari e clienetelari, possa rappresentare una buona novità politica per il centrosinistra e per il paese (anche per la regione).

  3. Caro Prof. Ribba, permettimi, ma il tuo ragionamento mi pare dia per scontato (ed anzi quasi auspichi) una scissione del M5S. Ma cosi non è: e poi, quali sarebbero “le sue componenti più protestatarie”? Io vedo solo una giusta e franca, forte dialettica su questioni essenziali, identitarie, valoriali. Insomma, solo la declinazione del “metodo democratico” di cui all’art. 49 della Costituzione. Staremo a vedere cosa succede: sono certo che portavoce e iscritti si impegneranno allo spasimo perché restino frustrati e delusi coloro che – ritenendo sempre e comunque applicabile la legge ferrea dell’oligarchia di Robert Michels – scommette in una implosione del Movimento. Quanto al PD, personalmente penso che, soprattutto in Basilicata, un PD depurato “dalle sue componenti più notabilari e clienetelari” corrisponda ad un PD azzerato o quasi. Quindi, a mio personale avviso, nessuna collaborazione, se non su temi ristretti e specifici, ci può essere fino a che la classe dirigente del PD lucano e nazionale resta quella attuale. Tralascio ogni considerazione sul sottoscritto, se non che, dall’agosto 2012, ho portato nel M5S il mio attivismo civico e politico, in particolare, sui temi della giustizia sociale e dell’ambientalismo. Su entrambi i temi il M5S, a livello nazionale e regionale, ha già fatto e realizzato tanto. Ma tanto resta ancora da fare. E a me, caro Antonio, da cittadino e attivista, interessa sopratutto questo: realizzare strumenti di inclusione sociale e superare la crisi climatica. Su questo il M5S verrà giudicato, non sulla leadership, sui presunti tatticismi o lotte intestine per le postazioni. Tutta una narrazione che lascio al fervido immaginario, pur suggestivo e affascinante, dei commentatori politici.

  4. Va bene, Francesco, non ci sarà scissione nel M5S. Vorrà dire che nel caso mi pagherai un caffè! Però, mi raccomando, non parlare come quei politici scafati che vedono nei giornali e negli articoli sfoggio di fantasia mentre la vera politica sarebbe altro.
    Sul Pd, mi pare tu abbia una visione un tantino cupa. Lo critico nelle sue degenerazioni da anni, ma la sua classe dirigente, nell’insieme, non è affatto disprezzabile. E comunque, piaccia o non piaccia, il partito democratico, proprio come la Cdu in Germania, è il partito àncora del sistema politico italiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.